Ford Maverick: pickup dai costi contenuti

Il Maverick è lungo poco più di 5,07 metri : va a posizionarsi sotto il Ranger ed è indirizzato a quella fetta di pubblico che non ha mai posseduto un veicolo del genere e si avvicina per la prima volta al mondo dei cassonati. Questo nuovo modello, infatti, è caratterizzato da un design unibody, ossia con scocca autoportante come le normali automobili che lo rende più confortevole e meno impegnativo nell’utilizzo su strada. Per quanto riguarda le motorizzazioni, sono disponibili due opzioni: la prima è un powertrain ibrido costituito da un 2.5 quattro cilindri a ciclo Atkinson abbinato a un motore elettrico e a una trasmissione a variazione continua.

Il sistema è in grado di erogare complessivamente 191 CV e 210 Nm di coppia massima e, secondo la Casa, è in grado di trainare fino a 907 kg. A stupire, però, sono i consumi: a detta dell’Ovale Blu, infatti, in città questa versione del Maverick dovrebbe utilizzare circa 5,9 litri di benzina ogni 100 km. Il secondo motore offerto è invece un 2.0 Ecoboost quattro cilindri da 250 CV e 375 Nm di coppia, abbinato a un cambio automatico a otto marce, disponibile con la trazione anteriore o integrale. In questo caso, la capacità di traino sale a circa 1.800 kg.

Esternamente, il Maverick mantiene tutti gli stilemi tipici dei pick-up della Ford, a partire dal frontale, massiccio e verticale, dove i grandi fari a Led sono collegati tra loro attraverso un elemento cromato che solca la generosa calandra. In generale, i designer hanno prediletto linee semplici: la Casa statunitense ha infatti sottolineato come le forme siano state studiate per massimizzare lo spazio per passeggeri e carico, oltre che per garantire la massima funzionalità e semplicità d’uso.

In particolare, il cassone, lungo circa 1,37 metri, vanta diverse caratteristiche pensate per facilitare le operazioni di carico: è infatti possibile trasportare fino a 680 kg e integrare contenitori segmentati, pavimenti rialzati, portabiciclette e altro ancora inserendo dei listelli nelle apposite fessure ricavate nelle paratie laterali. Sono presenti anche due tiranti, quattro anelli e diversi fori filettati per fissare il carico, oltre a una presa da 110 volt, che va ad aggiungersi a quella presente nella cabina.

Le soluzioni progettate per migliorare la fruibilità del pick-up continuano anche all’interno: un esempio è il Ford Integrated Tether System, uno slot posto tra i sedili posteriori che permette di installare diversi accessori, come un portabicchieri, un cestino, un organizer per cavi, un doppio gancio per borse e tanti altri supporti che, in futuro, potrebbero essere stampati in 3D direttamente dai proprietari.

GruppoBonifacio

Il Gruppo Bonifacio nasce da un mix di professionalità e competenza che ha contribuito a rendere l'azienda il partner ideale nella la fornitura di soluzioni per la mobilità. Vendita, assistenza e noleggio per noi non rappresentano soltanto delle attività professionali, ma vere passioni di "casa"​. L'attenzione alle esigenze sempre in mutazione della clientela e la ricerca di soluzioni personalizzate e professionali, sono prerogative fondamentali del gruppo. Sempre a lavoro per proporre alla nostra clientela il servizio più completo, innovativo e sopratutto economico, presente sul mercato per soddisfare qualsiasi esigenza. Il nostro staff è a disposizione del cliente dal momento della stipula del contratto, fornendo assistenza tecnica presso i nostri uffici e tramite servizio clienti attivo 24H

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.