Direttive dure della UE “Stop alle endotermiche entro il 2035”

A lanciare la notizia durante un’audizione all’Assemblea nazionale francese, è stato Pascal Canfin, il presidente della commissione per l’ambiente, la sanità pubblica e la sicurezza alimentare del Parlamento europeo.

Stop alle vendite dei veicoli endotermici entro il 2035, conferma Canfin: “nei prossimi 18 mesi una cinquantina di leggi saranno riviste a livello europeo per dare sostanza legislativa al Green Deal, e una di queste è la legge sul clima, che fisserà l’obiettivo al 2030 di  ridurre le emissioni di CO2 di almeno il 55%

Nel 2035 le soglie di emissioni per le case costruttrici saranno così basse da optare inevitabilmente alla produzione di veicoli elettrici, non basteranno ibridi e plug-in per rientrare nei parametri di emissioni dettati dalla UE.

D’altronde già nove Paesi Ue ( Austria, Belgio, Danimarca, Grecia, Irlanda, Lituania, Lussemburgo, Malta e Olanda ) hanno chiesto al massimo organo esecutivo dell’Unione di stabilire una politica ambiziosa per ridurre le emissioni di gas serra generate dal mondo dei trasporti. Tra le richieste quella di realizzare un calendario preciso per lo stop alle vendite di veicoli con motori endotermici in tutta la Comunità europea al fine di favorire il passaggio alla mobilità elettrica.

Sebbene il 2035 possa sembrare lontano, dal punto di vista industriale non è tanto tempo. Inoltre, si dovrà accelerare in maniera importante la realizzazione di un’infrastruttura capillare per la ricarica delle auto elettriche. Una criticità, questa, più volte sollevata nel corso degli ultimi tempi.

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *